2013 Indice globale della fame : La sfida della fame : Sviluppare la resilienza delle comunità per la sicurezza alimentare e nutrizionale uri icon

abstract

  • Nel 2012 la tempesta tropicale Isaac e l'uragano Sandy hanno martoriato Haiti, danneggiando i raccolti, facendo straripare i fiumi, alla­gando le strade e bloccando l'accesso alle comunità. Mentre i prezzi ali­mentari aumentavano e i debiti crescevano, gli haitiani poveri hanno adot­tato misure estreme. Alcuni sono emigrati. Altri hanno resistito riducendo il numero di pasti al giorno e svendendo le proprie terre o il bestiame. Ogni estate, gli haitiani temono lo scatenarsi della furia degli elementi. Che si tratti di tempeste o di un periodo di siccità come quello che nel 2012 ha lasciato 18 milioni di affamati nel Sahel, o di altri eventi climati­ci estremi, dell'impennata dei prezzi alimentari o di una prolungata instabilità politica, le crisi e gli shock continuano a colpire i poveri e i più vulnerabili. Troppo spesso, coloro che non sono in grado di reagire si ritrovano ad affond­are nella povertà, a dover affrontare la malnutrizione e la fame.È ormai chiaro che non basta aiutare le popolazioni povere e vul­nerabili a sopravvivere agli shock a breve termine. Queste popolazioni sono tra quelle maggiormente colpite dagli shock - causati dall'uomo o naturali - e meno in grado di farvi fronte; per cui, essendovi costantemente esposte, non è facile per loro migliorare la propria condizione. Le popo­lazioni povere e vulnerabili devono incrementare la propria resilienza; e una parte essenziale del processo di sviluppo della resilienza consiste nel rafforzare la sicurezza alimentare e nutrizionale. Dato che l'accesso a un'alimentazione sana e adeguata è un diritto umano fondamentale, è di vitale importanza che tutti noi adottiamo misure per sviluppare la resilien­za migliorando la sicurezza alimentare e nutrizionale. La resilienza è il tema centrale dell'Indice Globale della Fame 2013, pubblicato congiuntamente da International Food Policy Research Institute (IFPRI), Concern Worldwide e Welthungerhilfe. Dato che secon­do l'Indice la fame nel mondo resta 'grave', con 19 Paesi a livello 'allar­mante' o 'estremamente allarmante', promuovere la resilienza è fonda­mentale per aumentare la sicurezza alimentare e nutrizionale

publication date

  • 2013